CUS Calcio a 5: Il derby di Zevio finisce in parità

Hellas-Cus.jpg

Altra gara ad alta tensione, quella disputata venerdì sera presso il palasport di Zevio tra i cussini e i padroni di casa dell'Hellas Verona 1903 C5. Le gare contro i ragazzi di mister Castagna non sono mai semplici o destinate ai deboli di cuore, e venerdì sera le aspettative sono state mantenute.
Un primo tempo in cui il CUS riesce a creare qualcosa in più rispetto ai padroni di casa, ma l'equilibrio generale è regnato durante l'arco di quasi tutta la gara. Il CUS passa in vantaggio grazie a uno schema su punizione ben calciato da Manca, che serve Pavan, il quale insacca. Partita tosta e fisica, come da programma. Cordioli, al rientro dopo l'infortunio, si dimostra sempre all'altezza ed è impegnato su una bella giocata di Gancitano, sventata prontamente. Il CUS poi centra in sequenza un palo con Petrone da posizione favorevole, e sciupa clamorosamente il doppio vantaggio con capitan Sturlese, che quasi a porta vuota da posizione decentrata calcia fuori. Contro squadre toste come l'Hellas, questi sono errori che prima o poi si pagano, difatti a pochi minuti dal termine, su azione di contropiede da parte dei padroni di casa, Sturlese tocca da dietro Gancitano e l'arbitro fischia il rigore che lo stesso numero 11 di casa realizza mandando le squadre negli spogliatoi sull'1-1. 

Seconda frazione di gara che riprende in modo negativo per i colori verdeblù: ancora il capitano dei padroni di casa riceve palla in profondità e batte di nuovo Cordioli con un pregevole tocco sotto, ripresa shock e risultato ribaltato da parte dell'Hellas. Il CUS fatica a macinare gioco ed a riprendersi. Un derby ha sempre degli effetti diversi rispetto ad una gara normale. L'Hellas prende in mano il pallino del gioco. La partita si fa tesa e molto maschia, i cartellini piovono, arrivano in 5 minuti anche due rossi, che vanno a sommarsi a quello subito da Nicolis nella prima frazione di gara per doppio giallo causa non aver rispettato le distanze su rimessa laterale.  Prima Sturlese ferma Dal Corso in maniera irregolare e subisce il secondo giallo, pochi istanti dopo lo stesso Dal Corso stende un uomo CUS, lanciato in contropiede, e viene allontanato con il secondo giallo. Dall'inferiorità numerica, però, non esce fuori nessun gol. Il finale è come sempre da batticuore, CUS più con il cuore che con il gioco si butta in avanti a cercare il gol del pari che arriva a pochissimi minuti dallo scadere, ed è ancora Ditta, per la seconda giornata di fila, che riesce a battere un superlativo Montresor. Un punto a testa che forse non accontenta i padroni di casa, sopratutto per la seconda frazione di gara, ma che permette ai nostri ragazzi di rimanere tra le prime quattro della classe.
Ora arriva una settimana delicata, con due assenze pesantissime ed un avversario ostico in arrivo al PalaGava come l'Atletico Verona. Ci sarà da lavorare molto per mister Campagnola. Ma il CUS Non molla mai!

Sempre avanti e sempre #FORZAcusVERONA!!!!

News Calcio a 5