Venerdì, 05 Febbraio 2021 11:50

Dirigenti dell'anno: Serena Mazza, il pattinaggio torna in pista!

serena mazza pattinaggioQUAD

L'attività riprende, sfidando le difficoltà con grande passione e spirito di adattamento. Per tornare a volare sui pattini, a sorridere. La sezione CUS Verona Pattinaggio Artistico a Rotelle ha scelto proprio il sorriso, quello di Serena Mazza, atleta e poi allenatrice e dirigente insieme alla sorella Stella. Un vero simbolo della sezione, scelta come Dirigente dell'Anno 2020.

 

Facciamo un punto sulle attività...

Oggi la sezione conta circa 100-110 atleti, dai giovanissimi di 4 anni ai nostri veterani oltre i 25. Al momento abbiamo ripreso da ottobre, in presenza, sia con gli agonisti che con gli amatoriali. Amatoriali che, per un mese, hanno potuto lavorare al coperto, poi con le nuove ordinanze abbiamo spostato l'attività all’aperto. Grazie ai genitori, che hanno continuato a darci fiducia, ora stanno svolgendo un allenamento a settimana. Gli agonisti invece hanno ripreso già a giugno, sono andati avanti tutta l’estate, e continuano al coperto, speriamo in vista di competizioni imminenti. Forse a marzo ripartiranno le gare.ù

 

Intanto, tu conquisti la "medaglia" di dirigente dell'anno...

Sono davvero contenta di essere stata scelta, come tutti sapete è stato un anno molto complicato e difficile da gestire. Seguiamo un protocollo che ci impone di stare attenti tante cose, gli atleti fanno sempre la misurazione della temperatura e a ogni allenamento raccogliamo le autodichiarazioni dello stato di salute. Inoltre indossano la mascherina nei momenti di riposo e quando l'attività non richiede uno sforzo fisico importante. Essendo il nostro uno sport essenzialmente individuale, riescono a farlo stando distanti, senza scambiare materiale sportivo, visto che i pattini sono personali.

 

C'è tanta attesa per il ritorno alle gare?
L'anno scorso il lockdown è caduto proprio nel periodo dei nostri campionati, che normalmente si svolgono da marzo a luglio. Ci ha costretti in casa, e in quei mesi abbiamo cercato, con lo staff, di tenere attivo l'interesse degli atleti con lezioni online di preparazione atletica senza pattini. Per tutti, ma in particolare per gli atleti agonisti, è stato po’ demoralizzante. L'obiettivo di un atleta è sempre quello di partecipare a competizioni e confrontarsi con realtà venete e italiane. Ecco perché speriamo ripartano le competizioni, servono stimoli per andare avanti e riprendere gli allenamenti nel modo migliore.

 

Ringraziamenti finali?

Ovviamente ringrazio tutti coloro che ci hanno dato la possibilità di ripartire: la direzione del Cus Verona, con un saluto particolare al presidente Danilo Zantedeschi, e poi il cuore pulsante della sezione, le nostre allenatrici. Sono dalle 10 alle 12, e per nessuna è un lavoro. E' passione, molte hanno famiglia e figli, e nonostante gli impegni si sono sempre dimostrare disponibili, attive e propositive, anche durante lockdown. Molte fanno allenamento all’aperto, e non è per niente facile. Senza di loro, la sezione non esisterebbe. Ultima ma non ultima, grazie alla mia socia e sorella, Stella Mazza, anche lei dirigente e allenatrice. Mi ha aiutata in tutto, non passa momento in cui non parliamo di pattinaggio, e le voglio un gran bene.

News Pattinaggio artistico a rotelle