Universiadi Invernali: Martin Nardelli protagonista azzurro a Krasnoyarsk

nardelli universiadi

Alle Universiadi Invernali che si sono disputate Krasnoyarsk, in Russia, a rappresentare i colori dell'Italia c'era anche il cussino Martin Nardelli. Originario di Mezzolombardo, in Trentino, Nardelli è nel giro di interesse del Comitato Trentino, e poche settimane fa si è messo al collo la doppia medaglia d'oro di Campione Italiano Universitario nello Slalom Gigante e nello Speciale, ai CNU Invernali che si sono svolti ad Alleghe, in provincia di Belluno. Lo studente-atleta, al primo anno di Scienze Motorie, fa parte del progetto Academic Coach, promosso da CUS Verona, Comitato Sport di Ateneo dell’Università degli Studi di Verona e ESU Verona.

Il primo appuntamento è stata con la combinata, in cui Nardelli non ha avuto fortuna. "Sono partito col pettorale 52, le piste erano durissime, nel Super G mi sono buttato, sentivo che non ero scorrevolissimo, in slalom invece stavo andando bene, potevo recuperare posizioni, ma alla fine sono uscito, ho inforcato in fondo al muro, in un percorso parecchio complicato per una combinata"

Lo scorso venerdì 8 marzo, Nardelli ha fatto segnare un ottimo 14^ posto nel Gigante. Partito con il pettorale numero 51, ha ottenuto uno splendido 18^ posto nella prima manche. Nella seconda manche è mancata quella spinta in più per compiere l'impresa, ma il piazzamento finale è comunque motivo di grande soddisfazione. "Dopo la prima manche mi hanno detto che ho attaccato tutto il percorso, ci ho messo tanta grinta anche se nel muro avrei potuto fare delle linee un po’ più dirette. Ma non ho perso posizioni, nella parte finale sul piano ho fatto molto bene. Nella seconda manche ho guadagnato ancora un po’, anche se ho commesso un piccolo errore. Sono comunque molto contento, è arrivato un buon risultato di squadra, e anche quello contava".

L'11 marzo sarebbe toccato allo slalom, ma Nardelli è stato escluso a sorpresa. "Sono rimasto deluso, non me lo aspettevo, vista la buona prova di gigante, e i tanti complimenti da parte dello staff tecnico".

Un'esperienza comunque importante, quella di Krasnoyarsk, anche fuori dalle piste da sci. "Là è un altro mondo, il villaggio delle Universiadi era dodato di palestra, strutture, campi da calcio, c'era tutto. Ho notato molta attenzione alla sicurezza, con controlli stringenti anche per gli spostamenti. Complessivamente, davvero un ottimo lavoro da parte di organizzatori e volontari"

News Eventi